Monica

I reblog my own interview with Monica. Not often I buy paper newspaper, but when one of my role models has five (!) full pages, I like papers.  I knew almost everything of what I read, and something more. For example, I can confirm she is not practical, we have cooperated to eliminate ermine shit from a floor at minus 13 C with a knife with very bad results.

dav
dav

Technical writing in English

Do I know somebody who is expert in teaching Technical Writing in English? We may need somebody who can give a 3 hours lecture at Gløshaugen, the 2nd October 2017 for 100 computer science students at master level. If you are interested and/or if you have questions (f.e. about payment) contact me by email at letizia.jaccheri@ntnu.no with subject “Technical writing in English”

 

I libri dell’ #estate2017 @TommasoAvati #Stefansson

dav
dav

Oggi e’ una magnifica giornata di sole e nessun norvegese che si rispetti si siederebbe al computer o almeno ammetterebbe di farlo. Io sono stata per ore a leggere al sole sul mio terrazzino e ora, alla faccia dei norvegesi e del sole scrivo dei libri che ho letto quest’estate. Parto da quello che sto leggendo: Arv og Miljø di Vigdis Hjort. Il messaggio arriva forte e chiaro: Cosa vuol dire essere una persona sana di mente e cosa fare, dire, non dire, non fare, non lasciare per cercare di rendere sani di mente quelli che ti circondano e che erediteranno da te? Lo consiglio a chi legge il norvegese e forse sara’ anche tradotto almeno in inglese.
La rivelazione dell’estate e’ stato l’islandese Stefansson. Ho iniziato a ascoltare Fish have no feet come audiolibro, ma non ci capivo niente. Non capivo, ma capivo che ne valeva la pena. Allora l’ho acquistato come libro e l’ho letto. Leggi, rileggi, scrivi i nomi sui pezzettini di carta: Ari, Margret (la nonna), Nordfjordur (il paese della nonna e del nonno Oddur e il prozio Tryggvi). Svartlavik e il paesaggio nero di lava, e il cugino Asmundur, la moglie Tora, il babbo, tutti gli zii e le zie, le amiche di gioventu’. La protagonista e’ certamente l’Islanda, paese di cui so pochissimo, che mi appare come una Norvegia all’estrema potenza perche’ ha pochi abitanti, che sono stati poveri fino a pochi anni fa. In Islanda fino agli anni 80 non era nemmeno legale la birra, l’Islanda non e’ nella comunita’ europea. La lingua islandese somiglia al norvegese, il libro avrei dovuto leggerlo in norvegese. Non ho capito chi e’ l’io narrante, nemmeno se e’ un uomo o una donna, e allora la continuazione l’ho comprata in italiano (Grande come l’universo). Ma mi sono arenata. Ora abbiamo ordinato il primo libro in norvegese e ripartiro’ da li’. Stefansson, ora scrivo un grande complimento, mi sembra a volte un misto tra Elena Ferrante e Karl Ove Knausgård ma attenzione mi piace molto meno. Knausgård lo leggerei anche in Braile.
Gert Nysgårdhaug, come ho gia’ scritto non mi e’ piaciuto. Concita e Alice Munro le ho gia’ lette da tempo ma figurano qui perche’ tra un libro e l’altro rileggo. Rileggo i racconti della Munro, certo anche quelli difficili, ma sono bellissimi. Diamine, direte voi, ha preso il premio Nobel.
Cristina Comencini col suo Essere Vivi mi ha deluso. Almeno l’ho letto tutto di un fiato sul Torino Monaco e Monaco Copenhagen. Piu’ che essere vivi, dovrebbe intitolarsi le madri morte. L’ho trovato grottesco, sia nelle scene di lei bambina che nelle scene che seguono la morte della mamma, ma sono belline le descrizioni della Grecia, e e’ molto semplice. Non ti serve certo annotarti i nomi.
Ogni citta’ ha le sue nuvole lo consiglio. Mi piace lo stratagemma del padre ucciso. Mi piace l’italiano spiritoso, le descrizioni mai patetiche degli anni 80. Mi piace l’idea e il messaggio che anche i morti resuscitano e che i finali e le relazioni si possono riscrivere.
Ora ritorno a leggere Arv og Miljø.

A grateful normal professor

From today I am a normal professor. My plan is to do my job in a simple and good way. I want to teach my courses, supervise master and PhD and postdoctoral students and write papers with them, and follow the projects that are already started. I want to try to acquire new projects, but I promise I will never cry or be offended for a rejection or for a rude comment.
I was born in the right side of the world, I was able to get a permanent job in the richest country in the world when I was 30 years, I am surrounded by clever and nice people. I am grateful and if the urge of complaining will assault me I hope I will read this post again.
It has taken me many years to learn to be grateful about all this.
I do not have an office yet and I feel already I miss my colleagues in the leader group and the dean, and above all the people in the Idi administration I have been working each day with.
But I have two courses to teach (Customer Driven Project and Experts in Team), master and research students and projects (looking forward to the Social Innovation Event). I also want to follow Kodeløypa more. I also have new ideas, some of them will be rejected, may be one or two will be liked.
I am a grateful normal professor
18095116_1801111980205165_4887711025236803584_n.jpg

life research education books

%d bloggers like this: