All posts by letiziajaccheri

About Corona-crisis, IT, and #UN #SDGs

We should always consider in what we do and study, the relation to the UN sustainable goals. While the decrease of traveling and increased use of IT solutions; like teleconferencing lead to reduced CO2 emissions, the current crisis is putting at risk the work toward the achievement of the UN goals within 2030 (see https://sustainabledevelopment.un.org/)Goal 10: Reduce inequality within and among countries is put particularly at risks, not only because of the sanitary conditions, but also for access to IT resources for children and adults that are dramatically unequal within and among countries (my thought of the day).

 

#Diary #quarantine #netflix #Caliphate

I usually do not look at TV, only Ghigliottina before 20 on Italian TV, and I write papers and applications while Geir look at series. But, I get addicted to this series, so addicted that yesterday I went to bed at midnight and this morning I was almost late to the coffee meeting of IDI. Today I look forward to episode 8, the last one.

poesia per Roberto.20 – 1 vers på norsk til slutt – auguri

Ecco ora mi viene in mente

Che non sei un adolescente

Bello biondo in prima fila

Tu sei il principe di Ila

Gamer, Calciatore, cuoco, bagnino

Tu sei sempre il paladino

Ogni giorno qui con te

E’ una festa, si mangia da re

Bet, Betto, Robi, Roberto

Qui ti chiamano Rubertu

Kjære barn har mange navn

Og med deg har man ingen savn!

Auguri Roberto – Gratulerer med dagen

Good morning friends #yoga #staystrong #italiano #below

It is wrong to place the feet on the knee, I should know after 15 years of yoga. Nobody is perfect, we do mistakes. But let us try to stay strong, to move, to stretch, not to go in the trap of criticizing our self or other people.

È sbagliato posizionare il piede sul ginocchio, dovrei saperlo dopo almeno 15 anni di yoga. Nessuno è perfetto, facciamo tanti errori. Ma cerchiamo di rimanere forti, di muoverci, di fare streching, di non cadere nella trappola di criticare noi stessi o gli altri. Qui da Trondheim e’ tutto 🙂

Eirik.22 #English #Italiano

On the evening of the 24th of March 1998, I told to Geir that I wanted to drive to NTNU to print a paper I was writing (Fuggetta, Alfonso, and Maria Letizia Jaccheri. “Dynamic partitioning of complex process models.” Information and Software Technology 42.4 (2000): 281-291.)
I did not come to NTNU, as Eirik wanted to come first, almost 3 weeks before due date. Life changed for ever.
My mother and father came to Norway few days later, they were approximately the age I am now, we went to Skistue with our friends and Eirik in the bag. My mother brought a tape with Dumbo and in the years to come we saw Dumbo each day, several times a day.
Life is somehow still the same. The thoughs in my head are the same. I still think the world is too burocratic, and in these days I try to think how we could be more constructive and solve the big problems rather than the small issues about exams, marks, and paper rejections to conferences that will not happen. Are we using our time, energy and intelligence in the right way?
My father died 15 years ago, but in these days of Corona crisis, I confuse in my head past and present, local and global, so I think several times “I wonder how dad manages to stay inside the house”. My father used to sit and study each Sunday afternoon, in the morning he run several Km.
It will be the first birthday with no physical meeting with Eirik, may be I should see Dumbo, for sure I will write a paper. I was 33 when Eirik was born, some (few) of my friends get babies in the 20’s, some (many) in their 30’s, and some few in their 40’s. I do not know what it is best, I do not know how one should manage to combine motherhood and professional work, I managed in my way, each one will find out her way. Eirik is a good student, for sure he will sit and study today, and if I know him well, he will not manage to sit quite the whole day. Auguri Eirik

La sera del 24 marzo 1998, dissi a Geir che volevo andare a NTNU per stampare un articolo che stavo scrivendo.
Non arrivai a NTNU, poiché Eirik era impaziente di arrivare, quasi 3 settimane prima del tempo. La vita cambio’ per sempre.
Mia madre e mio padre vennero in Norvegia pochi giorni dopo, avevano piu’ o meno l’eta’ che io ho adesso, andammo a sciare (!) con i nostri amici e la mia mamma aveva Eirik in braccio nella baita. Mia madre porto’ una cassetta con Dumbo e negli anni a venire abbiamo visto Dumbo ogni giorno, più volte al giorno.
La vita è in qualche modo sempre la stessa. I pensieri nella mia testa sono gli stessi. Continuo a pensare che il mondo e’ troppo burocratico e in questi giorni cerco di pensare a come potremmo essere più costruttivi e risolvere i grandi problemi piuttosto che i piccoli problemi relativi agli esami, ai voti e alle conferenze che non ci saranno. Stiamo usando il nostro tempo, energia e intelligenza nel modo giusto?
Mio padre è morto 15 anni fa, ma in questi giorni di crisi Corona, confondo nella mia testa passato e presente, locale e globale, quindi penso più volte “Mi chiedo come il babbo riesca a stare dentro casa”. Mio padre stava seduto a studiare ogni domenica pomeriggio, al mattino correva per diversi chilometri.

Sarà il primo compleanno senza un incontro fisico con Eirik, forse dovrei vedere Dumbo, di sicuro scriverò un paper. Avevo 33 anni quando e’ nato Eirik, alcuni (pochi) dei miei amici hanno avuto i bambini a venti anni, alcuni (molti) a 30 e altri, pochi a 40. Non so cosa sia meglio, non so come meglio si riesce a combinare maternità e lavoro professionale, ci sono riuscita a modo mio, ognuno lo troverà il modo suo, non tutti devono per forza fare figli ne’ fare del lavoro uno stile di vita come a volte ho fatto io e i miei colleghi.

Eirik è un bravo studente e un bravo ragazzo, sicuramente oggi studierà, e se lo conosco bene, non riuscirà a stare seduto tutto il giorno. Auguri Eirik

@UiTromso @ntnu Universitetet i Tromsø  tilbyr en ny master i Helseteknologi

Tidene nå viser at det vil bli enda mer bruk for teknologi i helsesektoren framover!  Institutt for Informatikk, ved Universitetet i Tromsø  tilbyr en ny master i Helseteknologi (Informatikk, sivilingeniør – master)

Tips dine venner, elever, barn, barnebarn, osv. om utdanningen innen fristen 15. april.

2020-01-19 11.24.42

Min rolle:

Siden 1. januar 2019 jobber jeg som professor  II ved universitetet i Tromsø. Det er veldig nyttig for meg fordi det ga meg muligheten til å forstå professor II rolle og importere den til IDUN-prosjektet. Det er veldig nyttig fordi jeg lærer mye av å samarbeide med gruppen til professor Gunnar Hartvigsen. Gunnar ble fort en ekstra mentor for meg. Og jeg liker Tromsø mer og mer, selv om jeg ikke har opplevd nordlys ennå.

I livet, det som er vanskelig å spille mange roller. Når jeg reklamerer for et tilbud fra Universitetet i Tromsø slik jeg gjør akkurat nå, har jeg lurt på om det er riktig med hensyn til min primære jobb ved NTNU. Jeg vurderer at det er riktig, jeg tror at sunn konkurranse mellom norske universiteter er nyttig. tilsvarende 5 åring Helseteknologi master finnes ikke på NTNU. NTNU har en erfaringsbaserte etterudanning i helseinformatikk. Masteren er 90 studiepoeng og retter seg mot folk som har en bachelor i helse eller IT, og minst to år relevant arbeidserfaring.

Se også bloggen til Professor Eirik Årsand

#diary Citizen science #coronavirus (traduzione in italiano in fondo al post)

First I want to thank all my friends from Ila, Trondheim, the world to show love for me and Italy. I love you all as well. Then a small lesson from your favorite (I hope) prof.

Citizen science is about involving citizens in the process of producing and understanding science for the benefit of the society.

What we all can do is to try to understand the data that sources like the WHO make available to us and try to comment with our local knowledge.

For example this is the report that the World Health Organization (WHO) produced yesterday. You can try to organize the numbers that are more near to you. It can be a good way to talk about the crisis to your children without showing the pictures of the dead persons carried out of Bergamo in Italy. The WHO has also several videos that are useful to make us understand.

It is better to try to understand and to try to empower people to understand than to use power to force people to do something they do not understand. There is a lot I do not understand. Why is the percentage of dead people compared to the infected 10% in Italy and 0,3% in Norway? Is it because Italian are more closed to their old people? Is it because of the climate? Is it a matter of time, will it be the same in Norway in one month? Is the health system in Norway better? All these questions are yours my dear friends.

90503786_544576609510418_4024752340559986688_n

Per prima cosa voglio ringraziare tutti i miei amici di Ila, Trondheim, il mondo per mostrare amore per me e l’Italia. Vi voglio bene anche io. Quindi una piccola lezione dalla vostra professoressa preferita (spero).

La scienza dei cittadini riguarda il coinvolgimento dei cittadini nel processo di produzione e comprensione della scienza a beneficio della società.

Ciò che tutti possiamo fare è cercare di comprendere i dati che fonti come l’OMS ci mettono a disposizione e provare a commentare con le nostre conoscenze locali.

Ad esempio, questo è il rapporto che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha prodotto ieri. Puoi provare a organizzare i numeri più vicini a te. Può essere un buon modo per parlare della crisi ai tuoi figli senza mostrare le foto dei morti portati via da Bergamo. L’OMS ha anche diversi video utili per farci capire.

È meglio cercare di capire e cercare di aiutare le persone a capire piuttosto che usare il potere per costringere le persone a fare qualcosa che non capiscono. Ci sono tante cose che non capisco. Perché la percentuale di morti rispetto ai contagiati in Italia e’ al 10% e 0,3% in Norvegia? È perché gli italiani sono più vicini ai loro anziani? È a causa del clima? È una questione di tempo, sarà lo stesso in Norvegia tra un mese? Il sistema sanitario in Norvegia è migliore? Lascio tutte queste domande per te.

lezioni di norvegese #VG #Norway #Norvegia #coronavirus #iostoacasa #jegblirhjemme

Traduco da questa pagina del giornale VG. Døde vuol dire morti. Nel paese per ora ci sono stati 7 morti, registrati oggi 0. Innlagte vuol dire ricoverati, ce ne sono 130 di cui 26 attaccati al respiratore. Gli infettati sono 1975 (smittet) di cui 2 nuovi oggi. Per ora sono state testate 43735 persone. Ci sono 190 ospedalieri positivi (sykehusans. smittet) e 9493 ospedalieri in quarantena. La corona norvegese e’ ai minimi storici, ma di questo ne parleremo poi. Buona giornata a tutti, state in casa. Io pulisco, scrivo, leggo, faccio ginnastica e chiamo al telefono. E traduco.

corona

Link to WHO information