Category Archives: life

@uit #software #inclusion #supervision #mentoring #women @ntnu

From 1.1.2019 I am Adjunct Professor at UiT – The Artic University of Tromsø. I am associated with the excellent  MI&T group, directed by professor Professor Gunnar Hartvigsen. The group has a long record of successful projects, including the SFI Research-Based Innovation in Telemedicine and eHealth Systems for Chronic, Age, & Lifestyle related Diseases

My responsibilities will be what I like most: supervision of students from master and PhD level with focus on software and inclusion. Tromsø is 1390 Km north from Trondheim, which is in turn 1446 north of Berlin, to give you an idea. I keep my professor position at NTNU and try to intensify cooperation. When we live in such a small (and big country) we have to multiply efforts. I am particulary proud that UiT apreciates my work for recruiting, retaining and mentoring girls. The fact is that the young women (and  young men) are mentoring me.

tr

#italiano #espagnol #Chinese

IMG_20190113_181825 (002).jpg
which are the words that an Italian should know when trying to speak Spanish? Many years of Italian-Spanish conversations with Maria B., Maria A., Irene, and Javi make me think that these are (at least for me) the most important ones. Expecially “forse” generates panic in the Spanish listener. Please advice me with more words. As far as I am at IDI I will never get bored, trying to learn languages and meet new people. I have subscribed to the Chinese course from february, it will be very hard. If I do not manage, you will laugh at me, as Norwegian are laughing at my Norwegian for the last 30 years.

#morgana #podcast @KelleddaMurgia

Belle e intelligenti le storie di Morgana. Ascoltate delle mie coetanee Moana e Madonna e della piu’ antica Santa Caterina da Siena. Bacchettoni, astenersi.
8882907933e501811a06a350b7ce8cd2
Ho ascoltato tutti gli episodi e sapete cosa ho scoperto? Che essendo io coetanea di Moana e Madonna, anche io nel mio piccolo sono stata una pioniera. Ma non me ne sono accorta. Con la testa sempre nei romanzi e poco nei telegiornali e nei fatti, ho vissuto in un mondo, il mio, in cui pensavo le storie di Oriana Fallaci, delle mie professoresse all’universita’ fossero le storie. Ho avuto dei momenti di crisi, come quando avevo i bambini piccoli, o peggio quando a 30 anni vivevo da sola e le persone mi guardavano storto. O ancora peggio quando a 50 anni da poco passati, appena menopausata, scesa da un ruolo di potere a uno piu’ normale di professore, le persone prima vicine e interessate, hanno iniziato a ignorarmi. Ho interpretato queste crisi (e le ho superate) secondo diversi filtri di interpretazione negli anni.
In questi giorni, ascoltando Morgana, mi son detta “brava Letizia”. Brava Letizia che non ti sei curata di chi ti ha dato della pazza, della zittella, persino della puttana. Non ti sei curata di quando ti hanno criticata perche’ cambi idea. Non ti curi delle rughe, dei capelli bianchi, perche’ non ti interessano, ma conti le calorie perche’ ti interessa essere in forma. Viva la liberta’. Viva i libri, viva la vita.
.ps dire che non me ne son curata e’ una semplificazione perche’ mi sono travagliata, ho pianto, volevo smettere di fare quello e questo. Ma poi mi son sempre rialzata e ho fatto quello che volevo. Ora si vedra’.

Risotto ai funghi a la Birgit e Fernanda

Ho iniziato a fare un risotto coi funghi raccolti dalla mia collega amica Birgit. Ho iniziato a metterli a mollo stamani che secondo Fernanda, mi madre, era gia’ troppo tardi. Quando mancheranno 30 minuti alla cena devo:

  • tritare la cipolla
  • rosolarla nell’olio ma aggiungendo l’acqua senno’ diventa bruciata e cattiva
  • aggiungerci il riso
  • far rosolare
  • aggiungere il brodo e far cuocere
  • aggiungere parmigiano e burro e far mantecare

follow up – pay attention !

 

Martin Niemöller

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari,
e fui contento, perche’ rubacchiavano.
Poi vennero a prendere gli ebrei,
e stetti zitto, perché’ mi stavano antipatici.
Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perche’ mi erano fastidiosi.
Poi vennero a prendere i comunisti,
e io non dissi niente, perche’ non ero comunista.
Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare”.

Ho ricevuto questa poesia dal professor Prinetto. Bella non la conoscevo.

 

 

poesia di Natale – Juledikt #Po #Arno #Sjøbadet #GodJul

Scorre il tempo in tutto il mondo

Che sia il Po, L’Arno o il Fiordo

L’importante che le ore

Siano piene di parole

Scritte o dette sempre a fiotti

Ci sentiamo giovanotti

La mia bici ha spesso i chiodi

Quel che conta sono i modi

Di guardare il mondo buffo

E nel fiordo mi ci tuffo

Tiden renner gjennom verden.

Som mine barndoms elver Po og Arno.

Ut i fjorden.

Timene må fylles med ord som rimer.

Ord som henger sammen.

Det jeg sier.

Det jeg skriver.

Vi føler oss unge.

Sykkelen har pigger.

Jeg har fått briller som viser verdens skjønnhet.

Det er alt som teller.

Og en tur til Sjøbadet.

#lykkeland #nrk #norway

I enjoyed the Norwegian series Lykkeland, I just saw the last episode. I regard it as the best Norwegian series ever.  I liked the clothes, the interior, the characters. Not least, I liked the message, it is about how Norwegian people and politicians managed to keep the richness generated by the oil inside Norway. It is because of those decisions that you and I are able to go on vacation several times each year, that our children go to good Universities without paying a penny, that each child goes to dentist without paying,  … that we have the welfare state.

Now, you will call me socialist, naïf, Norgespatriot. I will not delete the post. I think that we should be able to do similar choices with the new oil (knowledge, software, data): we must fight not to give everything to the International companies but try to re-invest most of the knowledge in the country.

td411eff-e1539082007639.jpg

 

lezione di galateo dell’incontro casuale #donnaletizia

frasi da dire all’amico ritrovato, specie se emigrante in visita nel luogo di origine:

  • Che bello rivederti
  • Che bei ricordi che ho di te
  • Cosa fai?
  • Come sta la tua famiglia nel Paese Estero o Citta’ straniera (per esempio Norvegia)?

Frasi da non dire:

  • Non ti avevo riconosciuta
  • E’ vero che sono antipatici/tristi/stronzi i tuoi nuovi concittadini (p.e. norvegesi)?
  • Certo deve esser freddo e buio dove stai te, io ci morirei.
  • Ti sono venuti i lineamenti/l’accento nordici/asiatici/africani/piemontesi
  • Hai perso il senso dell’umorismo toscano
  • Sei vestita da nordica/asiatica/africana/piemontese
  • O codeste sopracciglia!